Colore, Problemi particolari, Rimedi naturali

Infusi, proprietà e utilizzi

Gli infusi sono molto efficaci per la cura del corpo e dei capelli, non solo se li beviamo!

Innanzitutto, l’infuso consiste semplicemente nel far bollire l’acqua (mezzo litro almeno) e, una volta spento il fuoco, immergervi per diversi minuti le foglie/erbe/fiori che abbiamo scelto .

Se invece si ha a che fare con parti di piante più dure, come radici o cortecce (ad esempio la stecca di cannella), è bene farle bollire insieme all’acqua, e qui si parla di decotto.

 

Se ne possono realizzare di diversi, in base alle proprie esigenze e preferenze! Possono essere usati, per esempio:
– Come impacco pre-shampoo: ve lo versate in testa e lasciate in posa un’oretta, per poi procedere con il classico lavaggio;
– Come ultimo risciacquo (vedi Risciacquo Acido): dopo aver sciacquato il balsamo normalmente, versate il composto acido su tutti i capelli, e lo lasciamo agire senza risciacquare più.

Elenchiamo finalmente alcuni infusi associandoli alle loro utilità.
  • Infuso di alloro: contro la caduta dei capelli, potrebbe donare riflessi ramati.
  • Infuso di basilico: ottimo per rinforzare e lenire il cuoio capelluto, indicato per disturbi della cute quali prurito e irritazioni varie.
  • Infuso di camomilla: per chi vuole schiarire i capelli (partendo, ovviamente, da un colore chiaro) o ravvivare i riflessi biondi.
  • Infuso di cannella (in polvere): utile per avere capelli soffici, brillanti e forti. Può dare riflessi rossi.
  • Infuso di foglie di limone: come quello di rosmarino e salvia, dona forza e lucentezza. Può essere utile per chi ha problemi di forfora.
  • Infuso di menta: particolarmente utile per i capelli grassi, ma va bene anche per gli altri tipi. Antibatterico e purificante, pulisce e libera il cuoio capelluto dalla sporcizia senza aggredirlo.
  • Infuso di rosmarino: indicato per rinforzare e lucidare i capelli.
  • Infuso di salvia: anch’esso dona forza e lucentezza. In più, scurisce leggermente. Mix perfetto se si uniscono salvia e rosmarino.
  • Infuso di thè rosso: per ravvivare il colore rosso.
  • Infuso di thè nero: per ravvivare il colore nero.

E’ possibile chiaramente fare un infuso con più ingredienti, mischiando quelli che più si preferiscono. Alcuni esempi possono essere: infuso di menta+rosmarino, oppure thè nero+salvia+rosmarino.

Non ci sono limiti alla fantasia! 🙂

Speriamo che questo articolo vi sia stato utile!

Articolo scritto da Aurora A., proprietaria di questa pagina FB.

Attribution-NonCommercial-NoDerivs 2.0 Generic (CC BY-NC-ND 2.0)

1 Comment

  1. Maddalena

    Io uso l’infuso di rosmarino per preparare l’henné! Metto due/tre rametti interi in acqua bollente a fuoco spento, lascio riposare 15 minuti e poi verso nella ciotola con la polvere.

Leave a Reply

Theme by Anders Norén

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi