Chi siamo

Salve a tutti e benvenuti.
Navicella d’Avorio è fondamentalmente un progetto che mira all’informazione di più persone possibili a proposito della cura dei capelli.

Questo gruppo Facebook nasce dalla passione di cinque ragazze, Brunilde, Giulia, Federica, Francesca e Veronica, cui sono seguiti, per ora, Marcello, Aurora e Gerardo, con la proposta di costituire un luogo d’incontro per persone interessate ai rimedi naturali e alla cura dei capelli basata sulla consapevolezza dell’inci.
Qui si professano ideali di libertà d’espressione, quieto vivere e fratellanza, improntati ovviamente sulla leggerezza che concerne l’argomento.

Navicella d’Avorio è un concetto metaforico che affonda le radici nel sonetto Donna che si pettina di Giambattista Marino, assunto per rendere l’idea di un gruppo di persone attento non solo alle superstizioni, ma anche alla cultura, al rispetto, all’educazione, prima di parlare di cura del corpo.

In secondo luogo, Navicella d’Avorio si propone di riportare a galla come un veliero in mezzo agli errori, la nostra passione, che ci è stata brutalmente portata via da un gruppo di lamer nel marzo del 2016. Ecco, la nostra storia nasce diversi anni prima, con un gruppo Facebook nominato I capelli sono lo specchio dell’anima., il quale ha riscosso notevoli attenzioni, fino al superamento di quota 30mila membri (prima del fattaccio). Al gruppo originario basato sulla cura dei capelli era stato associato La cura di sé è lo specchio dell’anima., il gruppo sulla cura del resto del corpo (anch’esso rubato).

Con Navicella d’Avorio ci impegniamo a mantenere una certa sicurezza e una migliore organizzazione.


Onde dorate, e l’onde eran capelli,
navicella d’avorio un dì fendea;
una man pur d’avorio la reggea
per questi errori preziosi e quelli;

e, mentre i flutti tremolanti e belli
con drittissimo solco dividea,
l’òr delle rotte fila Amor cogliea,
per formarne catene a’ suoi rubelli.

Per l’aureo mar, che rincrespando apria
il procelloso suo biondo tesoro,
agitato il mio core a morte gìa.

Ricco naufragio, in cui sommerso io moro,
poich’almen fur, ne la tempesta mia,
di diamante lo scoglio e ‘l golfo d’oro!


Per contattarci:

È sempre bene fare e chiedere chiarimenti. Potete contattarci tramite una serie di metodi!

  1. Innanzitutto, il metodo più gettonato sarebbe quello di commentare direttamente il post nel blog in cui siamo state poco chiare.
  2. In secondo luogo, questo blog è strettamente dipendente dal gruppo Facebook Navicella D’avorio, cui siete invitati tutti a fare l’iscrizione. Cliccate qui.
  3. Infine dovete sapere che c’è una pagina pubblica su Facebook in cui potete sottoporci tramite messaggio le vostre domande. Cliccate qui.

 

Theme by Anders Norén

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi