Ciao a tutte! Ho cercato di raccogliere in questo documento tutti i rimedi contro questa piaga della società: i capelli crespi.

Siamo sempre aperti al confronto, quindi se conoscete altre soluzioni o avete dei suggerimenti non esitate a farceli avere tramite commenti! Buona lettura 🙂

Prima di tutto cerchiamo di capire cosa significa avere i capelli crespi.

  • Un capello crespo è, tendenzialmente, un capello poroso che non mantiene a lungo l’idratazione, vale a dire l’acqua ( componente base del nostro corpo e degli annessi cutanei).
  • Un capello crespo, nel 50% dei casi, è un capello che nasce così (quindi è geneticamente portato ad esserlo).

Fatta questa considerazione, dobbiamo trovare i motivi esterni ( meccanici o meno) che rendono un capello ancora più crespo.

  1. In primis: beviamo poca acqua. Il nostro organismo, per funzionare al massimo dovrebbe assumere circa 1,5l di acqua al giorno. Se così non fosse, quest’ultimo si troverebbe in uno stato di disidratazione e le prime “cose” che ne risentirebbero arebbero proprio gli annessi cutanei (pelle, unghie e capelli), essendo non di vitale importanza alla nostra sopravvivenza.
  2. In secondo luogo un capello diventa più crespo a causa dell’utilizzo di agenti esterni particolarmente dannosi. Shampoo troppo sgrassanti usati puri sulle lunghezze, piastra , phon troppo vicino, spazzole non adatte.
  3. Molte persone credono che il crespo si possa combattere con l’utilizzo di cristalli liquidi. I cristalli liquidi non combattono il crespoanzi, potrebbero addirittura peggiorarlo. Il crespo si “combatte” (nei limiti), aumentando l’idratazione. Innanzitutto contengono SEMPRE siliconi: questo olio serve a filmare il capello, non a nutrirlo, ma se il fusto è disidratato non abbiamo guadagnato nulla. Quindi bisogna prediligere impacchi IDRATANTI. Quali sono gli ingredienti idratanti che si possono usare (con moderazione) negli impacchi? Tutti quelli a base di acqua: gel semi di lino, gel alla maizena, gel d’aloe, glicerina, fieno greco, uovo, miele, banana, avocado, yogurt (evitatelo se avete spesso la forfora).
  4. Importante per combattere il crespo è anche l’utilizzo di un buon leave in, da distribuire sui capelli umidi prima dell’asciugatura, o anche sui capelli asciutti. Anche in questo caso sottolineiamo che il leave in dovrebbe essere a base acquosa e non oleosa, fatta eccezione per l’olio di cocco (l’unico che si può usare anche sui capelli asciutti: tutti gli altri oli messi sui capelli asciutti producono l’effetto contrario, cioè seccano). Un buon leave in, non eco né bio ma ACCETTABILE, è la crema Phyto 7 o 9, a base di mucillagini di 7 o 9 erbe. [Questo prodotto rientra nella categoria di accettabili perché contiene dei conservanti che non sono biodegradabili.]
  5. Nella cura del crespo sono importanti anche le spazzole che si utilizzano per spazzolare il capello, appunto. L’utilizzo di spazzole con setole di cinghiale permette di distribuire meglio sulle lunghezze il sebo proveniente dalla cute, combattendo l’elettricità e il crespo.
  6. Si consiglia l’asciugamano in microfibra in alternativa al classico asciugamano, o una normale T Shirt in cotone, poiché gli asciugamani tradizionali sono composti da fibre troppo grosse e grezze che assorbono il normale strato lipidico del capello che effettivamente fa bene.
  7. Alcuni altri prodotti che possono arrivare in vostro soccorso sono i seguenti:

LOZIONE ANTI­CRESPO “BIOFFICINA TOSCANA, innovativo siero naturale per capelli crespi, stressati, opachi e indisciplinati sia ricci che lisci.

MASCHERA ALL’OLIO DI ARGAN “OMIA LABORATOIRES, ideale per ristrutturare ed idratare capelli secchi e fragili, rendendoli morbidi e lisci.

 PHYTO 9 (da utilizzare su capelli asciutti), è una crema da giorno alle 9 piante per capelli ultra­secchi. Ammorbidisce le punte e non richiede risciacquo!

SECRET DE NUIT di PHYTO, è un trattamento da notte, rigenerante.

• BURRO DI KARITÈ, utilizzabile sia come impacco che come leave­ in.

• BURRO PER CAPELLI “NOAH”, burro nutriente specifico per capelli molto secchi, sfibrati.

• CREMA CORPO “KALODERMA” ALL’ARGAN, da usare come leave in.

Specifico che i risultati dovuti all’utilizzo di questi prodotti sono estremamente soggettivi: non vi aspettate di ottenere grosse modifiche alla prima applicazione.

Sperimentate e trovate quello che più si adatta a voi!

Buona fortuna ♥

Attribution-NonCommercial-NoDerivs 2.0 Generic (CC BY-NC-ND 2.0)